mercoledì 31 ottobre 2018

L'Oroscopo del Muflone, i segni parte 1 - 23 novembre ~ 21 maggio

Inauguriamo la nuova rubrica del muflone che aspettavate con poca ansia.





Sarà una rubrica bi-annuale: a dicembre faremo il bilancio dell'anno passato e a gennaio prevederemo cosa ci riserva il futuro. Tutto basato su pure fandonie, che sono difficili da trovare, ma che tutti i divinatori conoscono per la loro affidabilità e accuratezza.

Prima però dovete conoscere i segni e ve li abbiamo divisi in due parti altrimenti domani vi troviamo ancora qui a leggere.


   Tigre dai denti a spazzola

23 Novembre – 22 Dicembre

È bella e pulisce tutto, tranne i gabinetti, se no poi il cibo sa solo di tazza sporca.
Nomadi per natura, non sanno stare fermi. Pieni di energia e voglia di scoprire e di correre rischi. Non fateli incontrare con un kiwi o è la fine. Partono in quarta per qualche minchiata in cui la tigre incita il kiwi, il kiwi si gasa e fanno la stronzata insieme. Ma mica si pentono, almeno, la tigre non si pente.
Inclini all'autocompiacimento, adorano farsi dire quanto sono matti e quanto le cose che loro fanno, gli altri non le farebbero mai. Sanno adattarsi con facilità e questo gli permette di affrontare il mondo a cuor leggero.
Quando si ficcano qualcosa in testa non gliela levate nemmeno inducendogli un'amnesia. Potrebbero dimenticarsi di voi, ma non di voler attraversare il gran canyon su una corda con due torce in mano.


   Gramo anarchico
23 Dicembre – 19 Gennaio

Carino e coccoloso ma solo per l'ordine assoluto! Potrebbe staccarti la faccia a morsi ma non lo fa perché crede nelle tue capacità.
I grami anarchici puntano al massimo e non si fermano finché non l'hanno raggiunto. Avete un problema? Loro sono perfetti! Si fanno in quattro per essere sicuri che siate soddisfatti e tranquilli e intanto vi preparano anche un caffè. Tutto pur di perdere l'aura da brutto-e-cattivo che li circonda!
Sono affidabili e professionisti delle coccole. Saranno anche neri e con gli occhi rossi, ma abbracciateli e quella pelliccia diventerà la cosa più morbidosa di questo mondo. Ignorate il fatto che sbavano di fronte ad un piatto d'arrosto e che ululino se non gli fate fare il bis quando sono a dieta.
Passano a stadi di energia piena e contagiosa a stadi di batteria scarica da “mò dormo qui, ciao”. Tipo i bambini di tre anni. 


   Gallo cedrone sardo
20 Gennaio – 19 Febbraio

È bello, sembra un pavone in miniatura e lo sa.
Data la loro natura narcisista, i galli cedroni sardi adorano i complimenti e sanno di meritarseli: in fondo sono belli!
Sanno fare amicizia anche con i sassi. Dategli mezzo minuto e diventano i migliori amici anche delle persone peggiori. Perché un largo gruppo di amici vuol dire un largo gruppo di persone in grado di vedere quanto sono belli.
Fategli aprire un canale youtube, oltre a tenerlo aggiornato con roba interessante, si beccheranno tutti i complimenti che vorranno.



   Dahü

20 Febbraio – 23 Marzo

Sì, è una specie di capra. Sì, c'ha due zampe più corte delle altre. No, non è un cosa stupida, è una cosa stupenda.
Si credono creature magiche e in quanto creature magiche l'immaginazione e l'energia cosmica sono più importanti del vile denaro (ma ne dipendono come tutti).
Nonostante quest'aura mistica e da “Non puoi capirmi sono misterioso, io!”, sono terribilmente prevedibili.
Però sono le persone più tolleranti che conoscerete; potete confidargli tutto e non vi giudicheranno, ma purtroppo sono molto dispersivi quindi rischiate di iniziare a parlare dei vostri problemi con le formiche e finire per parlare del movimento di Nibiru in relazione alla sua ombra su una tazzina di caffè.

   I due leocorni
29 Febbraio

Dato che ci son due coccodrilli ed un orango tango, due piccoli serpenti e un'aquila reale... insomma, c'è tutto lo zoo; solo non si vedono i due leocorni (sì, LEOcorni. Perché c'abbiamo già un unicorno e non volevamo offenderlo). E dato che l'unica data che si vede ma non sempre è il 29 febbraio: cari nati in questa data avete un segno zodiacale che è solo vostro. Che proprio non condividete con nessuno, siete i nostri fiocchi di neve speciali!
I nati dei due leocorni sono persone in eterno conflitto. Nel loro cuore troverete un uragano di emozioni, tipo “Mangio un gelato o delle patatine?” e intanto il cuore urla gelato e patatine assieme. Sì insomma, se ogni tanto sembrano un po' scazzati senza motivo è perché non sanno cosa mangiare (o perché si sono ricordati che Noè li ha abbandonati).
La lealtà verso gli amici, e i nemici, è l'unica cosa su cui non hanno dubbi. Però attenti a non lasciarli soli! Il fatto di esser stati dimenticati dall'arca se lo sono legati al dito e quindi se non li sentite per un po' controllate che stiano bene.


   Paguro da riporto
24 Marzo – 21 Aprile

Riportano tutto, dal bastone alla vostra dignità.
Si dedica a 30 cose in una volta ma non ne completa neanche una. Spesso non sanno nemmeno loro cosa stanno facendo, lo fanno e basta.
Instabili ed incerti trovano sicurezza solo nelle cose che fanno. Un giorno stanno imparando le regole della pallavolo, il giorno dopo voglio imparare a costruire dighe.
La loro determinazione però è da ammirare perché hanno sempre qualcosa da fare ma trovano sempre tempo per aiutare gli altri. Sì, magari un drone sparafuoco non è l'ideale per concimare il campo del vicino con la gamba rotta, ma almeno hanno provato ad aiutarlo a differenza degli altri che se ne stavano seduti a lamentarsi.


   Kiwi
22 Aprile – 21 Maggio

Frutto e animale assieme. Se non è un paradosso, è fantascienza.
Il loro secondo nome è: sfida! Amano le sfide e la loro vita si basa su quelle. Gli dicono che la matematica non è fatta per loro? SBEM! Diventano neuroscienziati. Gli dicono che non potranno mai finire la loro coppa di gelato extra-large e quella del vicino? SBADABEM! Si mangiano la loro coppa, quella del vicino e il tavolo ma non ammetteranno mai di aver passato la notte in bagno. Dall'altro lato però sanno essere dei pessimisti cronici. Sì, hanno finito il gelato di tutto il negozio e sono stati male ma “Tanto moriremo tutti. Yolo”.
Desiderano poter essere d'aiuto agli altri, nonostante il loro pessimismo cronico, perché sì, moriremo tutti, ma tanto vale vivere decentemente fino alla morte, no?
Agli altri risultano persone che si impegnano in quello che fanno al 100%, pur di dimostrare che valgono più di quello che gli altri credono.



Ci si vede il mese prossimo con la seconda parte.

La setta del sospiro del Muflone

Nessun commento:

Posta un commento